Prodotti per la cura delle orecchie per cani: migliori prodotti di Settembre 2020, prezzi, recensioni

Controllare le orecchie al proprio cane è un’abitudine molto importante da rispettare. Si tratta di un’operazione da cui dipende la salute dell’apparato uditivo dell’amico a quattro zampe. Le sue orecchie sono una zona a dir poco delicata, sempre esposta agli agenti esterni, nella quale tendono ad accumularsi sporcizia e batteri. Questo accade più spesso di quanto si possa pensare. Perché dunque è necessario includere questa pratica nella cura del cane? Come vanno pulite le orecchie? Quali prodotti, poi, è importante utilizzare? A queste e altre domande rispondiamo con questa guida.

 

Perché è importante pulire le orecchie a Fido?

Sensibili all’attacco di funghi, parassiti e batteri, le orecchie del cane sono portate a contrarre più di un’infezione. Queste se trascurate, rischiano di degenerare in patologie anche impegnative da risolvere. Tra le più ricorrenti ci sono le otiti, che oltre a dover essere trattate con medicine ad hoc, hanno bisogno di cure veterinarie lunghe e pazienti. Le orecchie del cane possono essere interessate da episodi di otocariasi, più comunemente chiamata “rogna auricolare”. Si manifesta con un prurito intenso ed è altamente contagiosa. Piuttosto comune è anche il catarro auricolare, un’infiammazione caratterizzata da una iper produzione di cerume.

Da cosa si capisce che c’è qualcosa che non va

Quando il cane avverte un fastidio alle orecchie cambia tempestivamente il suo comportamento. Tende a grattarsi con assiduità la parte posteriore dell’orecchio, scrollando continuamente la testa. Può capitare che tenga le orecchie in posizione anomala. In tal casa ci sono molte probabilità che sia in atto una patologia.

Un controllo quotidiano

Controllare ogni giorno le orecchie al cane permette anche di “scoprire” alcune patologie silenti. Ci sono infatti irritazioni dovute ad agenti esterni o batteri che prima di manifestarsi richiedono un po’ di tempo. Capirle in anticipo permette una loro cura e risoluzione tempestiva.

Alcune razze sono più sensibili

Per alcune razze l’apparato uditivo rappresenta il tallone di Achille. Cocker, labrador, bassotti e tutti gli esemplari con orecchie “in giù” sono soggetti a rischio. La conformazione stessa delle orecchie che cadono verso il basso, infatti, favorisce il proliferare degli agenti patogeni. Le razze caratterizzate dal pelo riccio, invece, come ad esempio i barboncini, possono essere soggetti a episodi di ipertricosi auricolare. I pastori tedeschi, invece, hanno problemi dipendenti da una sovrabbondante produzione di cerume. La pulizia e il controllo ricorrente, in casi come questi, è d’obbligo.

Come pulire le orecchie a Fido

Prima di tutto è necessario ispezionare bene le orecchie del cane. La parte interna deve essere di colore rosato e priva di secrezioni, graffi o ispessimenti. Non ci devono essere corpi estranei come fili di erba e piccole parti di piante o spighette di grano “catturati” durante una corsetta nel parco. Una volta verificata la situazione nella sua normalità è possibile procedere alla pulizia vera e propria. Qualora si dovessero riscontrare stranezze, invece, è buona regola contattare il veterinario. Il cane è molto accondiscendente nei confronti del suo amico umano ma non ama molto essere “stuzzicato” alle orecchie. Quindi è importante che assuma una posizione comoda.

Alcuni consigli pratici

Non appena il cane si è rilassato, si può iniziare tamponando con delicatezza l’interno e l’esterno delle orecchie. Basta un batuffolo di cotone, o una garza sterile, inumidito con una specifica soluzione detergente. Per eliminare ogni traccia di sporcizia, va eseguito un movimento dall’interno verso l’esterno. Pulire con delicatezza le pieghe e le fessure dell’orecchio: qui tendono ad accumularsi polvere e cerume. Importante è non andare mai in profondità, ovvero dove risiede l’apparato uditivo del cane. Si rischia di creare danni, anche molto seri, inconsapevolmente. E non bisogna mai utilizzare l’acqua e i classici bastoncini cotton fioc. La prima può penetrare nel condotto uditivo favorendo la proliferazione di agenti infettivi; con i secondi si rischia di compattare maggiormente il cerume e danneggiare l’apparato.

Detersione in profondità con le gocce

Per pulire l’orecchio del cane un po’ più a fondo, è possibile utilizzare apposite gocce e soluzioni da instillare con la pipetta. Queste solitamente vengono in aiuto per rimuovere il cerume. In questo caso, però è necessario che sia il veterinario a consigliare il prodotto giusto, meglio evitare il fai da te

Prodotti per la cura delle orecchie: alcuni consigli

Come è facile immaginare, in commercio esistono diverse soluzioni espressamente ideate per la cura delle orecchie del cane. Se riguardano l’igiene si può procedere all’acquisto in autonomia. Qualora invece si riscontri un’anomalia che richiede l’intervento del veterinario, sarà quest’ultimo a consigliare i prodotti da utilizzare. In ogni caso, al momento dell’uso del prodotto selezionato, è buona regola accettarsi che la soluzione sia tiepida o a temperatura ambiente. Questa accortezza permette di ridurre al minimo il fastidio per il cane. In caso di gocce terapeutiche invece è importante che il preparato raggiunga la parte profonda dell’apparato. Si deve tenere in verticale l’orecchio del cane in modo che, sfruttando la forza di gravità, il liquido cada all’interno scivolando in autonomia verso in profondità.


Web editor, laureata in Lingue con parecchi anni di insegnamento alle spalle e il giornalismo nel dna, amo scrivere (e leggere!) di tutto e di più. I miei hobby? Cantare, fotografare e fare origami. Attenta all’alimentazione “sana” e alla gastronomia di nicchia, adoro il mondo dei bambini e tutto ciò che ruota intorno agli animali da compagnia: il tutto ovviamente in chiave hi-tech e all’avanguardia!

Classifica dei Migliori Prodotti

Back to top
Prodotti Animali Domestici